mercoledì 20 giugno 2012

"No alla violenza sulle donne" su FB?

Ieri sulla timeline di un caro amico ho visto la ripubblicazione di una delle tante "immagini simpatiche" che girano su FB. La vedi qui a fianco, è stata postata 16 ore fa e al momento ha 1281 mipiace e ben 3040 condivisioni. A te fa ridere? Io la trovo greve e non troppo ben costruita, ma non posso essere obiettivo nel giudizio umoristico.
Perché questa immagine viene dalla pagina NO ALLA VIOLENZA SULLE DONNE (linkata per dovere d'informazione e d'ora in poi abbreviata, non solo per comodità, in NAVSD*). Il problema principale, purtroppo, non è che in una pagina di quel titolo poco senso abbiano il biglietto cazzaro, il gatto vicino a un dinosauro di plastica, il cane in piscina e il cartello con "pesche appena pescate" (non linko più ma trovi tutto negli album su FB). Il problema principale è la sua vicinanza a foto come quella qui sotto, preceduta da un così misurato testo introduttivo:
Il femminismo sarà ricordato per il più infame e spietato crimine di tutta la storia umana: aver privato del loro papà quanti più bambini possibile

Ho utilizzato proprio questo post per segnalare al caro amico il principale messaggio che NAVSD veicola. Immediatamente ha cancellato la sua condivisione e, lamentando il carpito clic, ha commentato in forma qui non pubblicabile l'attività di quella pagina.
Sdegno dell'amico a parte, qui non si contesta l'incredibile pregiudizio del testo precedente, che, molto semplicemente, ritiene una Carla Lonzi peggiore criminale di un Adolf Hitler (e se le cose non fossero terribilmente gravi, tale pantagruelica malafede farebbe molto più ridere dei maleducati biglietti attaccati sulla porta di casa); e non si contestano i diritti dei padri separati e nemmeno l'organizzazione di essi in lobbies. Si contestano l'italiano micidiale (*), per questioni estetiche, e soprattutto nome e gestione di NAVSD, per questioni etiche.
Nelle informazioni (di nuovo, capolavoro di comicità involontaria, se le cose non...) l'amministrazione di NAVSD scrive:

Questa e' un'area di discussione fermamente decisa ad opporsi a qualsiasi forma di violenza, ivi compresa quella commessa sulle donne.
Questo gruppo - pero' - prende le distanze dal pensiero femminista estremo ritenuto nel contesto sociale attuale aberrante e non finalizzato al bene sociale.
Poiche' anche affermazioni ovvie divengono spesso motivo di "non contenuti" ma facinorosi interventi di soggetti caldeggianti le varie ideologie femministe (in molti parlano infatti dell'esistenza di "vari" "femminismi"), gli amministratori di questa pagina rivendicano il proprio diritto a rimuovere i post ritenuti - a loro insindacabile giudizio - di mera propaganda e non utili al dibattito in corso.
Alcuni post, pertanto, potranno essere cancellati.
In base alle premesse su esposte, il nome del gruppo e' perfettamente coerente con gli intenti di chi lo gestisce. 
"In base alle premesse su esposte" il nome del gruppo potrebbe, al limite, essere No a qualsiasi forma di violenza, ivi compresa quella commessa sulle donne, No alla violenza sui cani, No alla violenza sui nani di giardino e così via. Il nome NAVSD non è per nulla coerente "con gli intenti di chi lo gestisce". Per esserlo, la pagina dovrebbe chiamarsi NO ALLA VIOLENZA FEMMINISTA (avendoci il pelo sullo stomaco per dare un tale nome, s'intende, ma non mi pare che in quel luogo manchi) o PER I DIRITTI DEI PADRI SEPARATI. E quindi dovrebbe compiere con un minimo rispetto della forma (che qui è sostanza) l'opera di persuasione in cui s'impegna.
Il nome NAVSD serve invece, e del tutto intenzionalmente, ad attirare i clic di quelle persone che -guarda la stranezza!- vogliono fermare specificamente la violenza sulle donne (sino al femminicidio), mentre non sono interessate a una lotta "ideologica" (virgolette perché l'ideologia per me è una cosa seria) contro i "vari" "femminismi" (e qui uso le loro impagabili virgolette).
A questa prima gravissima "spregiudicatezza" si aggiunge poi la strategia del cazzeggio feisbuccaro con centinaia di foto stupidelle per convogliare traffico e attirare utenti. Cane piccolo e dietro cane grosso che lo punta, ahahahah; mamma gorilla con tigrotto, che tenero!; tettona, yummi; tettona di nuovo, yummi, bella 'sta pagina. Pollice su, mi piace, condivido.
E si carpisce con questi due trucchi un principio di fidelizzazione ai contenuti di centinaia di migliaia di persone (***). Perché la serietà della questione NAVSD la si misura appunto nei suoi 465mila mi piace, solo in piccolissima parte provenienti da persone che ne sposano la posizione realmente fondamentale, ovvero il furibondo odio contro il "femminismo". Qui, chiaramente, termine ombrello per comprendere tutte le donne (e gli uomini, come chi scrive, che già si sente lusingato per la botta di estremista femminista sicuramente in arrivo: mi mancava!) che si ostinano a non voler proprio comprendere l'eroica opera di NAVSD contro "qualsiasi forma di violenza".

(*) NAVSD è stato aspramente criticato per forma e contenuto del suo operare da numerosi siti. Doveroso citare almeno Femminismo a Sud.
(**) Abbandonati il senso e la misura, un minimo rispetto per la grammatica lo si potrebbe forse avere... Nella scritta a lato "Oltre l'80% dei padri, in seguito alla separazione perdono i figli" c'è una virgola in più, o in meno se si vuole isolare "in seguito alla separazione", e il verbo va al singolare.
(***) Pregherò le amiche e gli amici di Facebook che hanno cliccato mipiace, sicuramente non condividendo l'"impostazione" di NAVSD, di scoprire la virtù del non mi piace più e disiscriversi. E mi permetto di consigliarvi uguale opera di allerta.

29 commenti:

  1. Chiunque tu sia, io ti amo!

    RispondiElimina
  2. Li denuncio a tutti da MESI, ma FB tace e non fa nulla...la situazione è assai più grave di come la descrivi. Questi pubblicano link ESPLICITAMENTE A FAVORE della violenza sulle donne, giustificando i femminicidi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. infatti,fb non fa nulla,contravvenendo alle sue stesse regole,forse bisognerebbe denunciare in luogo piu adatto,l istigazione alla violenza è ancora un reato penalmente perseguibile.

      Elimina
    2. Link ESPLICITAMENTE A FAVORE della violenza sulle donne, giustificando i femminicidi = BUGIA enorme, è un fatto oggettivo che non ci siano, basta andare a leggere.

      Elimina
    3. No, no...LINK, COMMENTI DAGLI ADMINS E COMMENTI DA PROFILI FALSI GESTITI DAGLI STESSI ADMINS QUANDO NON VOGLIONO PRENDERSI LE CRITICHE DIRETTE O COMMENTI DAI LORO PIU' FEROCI SOSTENITORI ASSOLUTAMENTE DI ISTIGAZIONE ALLA VIOLENZA!!!
      Giustificazione dei femminicidi palese!!!
      Addirittura...INVITI A NON DENUNCIARE LE VIOLENZE!!!
      Un vero e proprio mare di merda criminale che solo dei violenti con la coscienza sporca e la folle idea di cavarsela capovolgendo la percezione della violenza possono avere prodotto.
      L'articolo è persino troppo tenero!

      Elimina
  3. Anonimo, mettiti in fila, prima lo amo io. <3 :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. cambia immagine,quella che hai nella avatar non è una femmina che merita.
      dopo due settimane,non resistette e si dimesse dall'acciaieria in cui "lavorava".
      brutto esempio per le femmine.

      we can't do it.

      sempre sotto siete.

      Elimina
    2. tra le tante perle "si dimesse" è la mia preferita!

      Elimina
    3. Anonimo, non sai nemmeno parlare italiano, lascia perdere la frase da figo in inglese.

      Se c´é qualcuno che qui "é sotto" sei proprio tu e la tua grammatica.

      Elimina
  4. Semplicemente FANTASTICO !!!...Ma esisti veramente ??? Grazie e grazie per questo articolo :)

    RispondiElimina
  5. Ho scoperto ora Jumpinshark, mi piace molto e mi piacerebbe ancor di più sapere chi è l'autore... ho un sogno, una speranza, e cioè che sia un uomo: non per altro, ma mi darebbe un po' di fiducia nel mondo e nel futuro. Please, Jumpinshark, be a man!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì sì maschietto, con tutti i difetti della categoria più i miei personali:) Grazie a te e a tutt* per la lettura. Sono soprattutto felice che su FB molte persone si siano rese conto di cosa avevano inavvertitamente "mipiaciuto".

      Elimina
  6. Grazie x averli smascherati...le insidie peggiori sono quelle che tentano di nascondersi dietro le frasi di principio, per poi sciamare in discorsi manifestamente retrogradi e vigliacchi.

    RispondiElimina
  7. Sono mesi e mesi che segnaliamo (io e altr*) queste pagine, a partire dalle prime segnalazioni di Femminismo A Sud. Niente, gli amici devi prenderli per la collottola prima che alzino il dito e tolgano il mipiace.
    E la pagina resta lì, con tutte le sue decine di gemelle (no al femminismo, no al nazifemminismo...guardate quante ne hanno fatte, mi viene da piangere) e alle sue centinaia di profili fake femminili che dicono di essere donne antifemministe.
    Io non ne posso più, mi sembra di essere Sisifo, veramente.
    Cip

    RispondiElimina
  8. ciao Jumpinshark,dai un minimo di speranza a tante donne che lottano da anni contro la violenza di genere e i suoi negazionisti (come uno degli anonimi qui sopra....e te credo che non vuoi far sapere chi sei)

    RispondiElimina
  9. Inventano profili di donne usando foto di attrici o testimonial di spot pubblicitari(es. Lorella Tollastro dovrebbe essere la ragazza di Chilly intimo), usando poi questi profili come influencer, adottano lo stesso identico metodo manipolativo di Berlusconi in modo più barbaro e crudele, se pensiamo che hanno clonato non solo tutte le pagine e i blog a loro scomodi ma anche i siti di centri antiviolenza. Proprio ieri ho letto su diverse pagine (che riportavano gli screenshot) che stavano giustificando Marc Lépine, lo stragista che nell'89 provocò un massacro all 'École Polytechnique in Canada, di sole donne,facendo uscire prima tutti gli uomini presenti e poi sparando all'impazzata solo alle donne. Loro l'hanno chiamata azione preventiva, sarà bello vederli dietro le sbarre dopo tutta la violenza che hanno istigato, oltre alle varie denunce che si portano dietro di violenza su ex o molestie su altre donne, al fresco sapete quante pagine potranno aprire nelle loro menti bacate =)!

    Clò

    RispondiElimina
  10. I soliti sfigati... BIGOTTI che si portano dietro una cultura vecchia come il cucco. ANDATE A LAVARE I PIATTI!

    RispondiElimina
  11. anche io li segnalo da tempo immemore e cerco di far capire ai miei amici su fb che quel gruppo non ha l'obiettivo che sembra proporre il suo nome ma purtroppo i "mi piace" aumentano traendo in inganno gente che si limita al titolo senza leggere i contenuti

    RispondiElimina
  12. Quindi, qual'è stata la femminuccia che ti ha sculacciato così forte?
    Ma fatti una vita, e se proprio vuoi dare sfogo al tuo assai misero talento da giornalaio (ops, -ista) scrivi di quelle pagine facebook in cui si incita alla violenza, alla pedofilia, al nazismo, al fascismo, al terrorismo, al razzismo.
    Che paura le gonnelle...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Marilene carissima "Qual è" va senza apostrofo. Io, te lo prometto, mi faccio una vita, ma voi, per favore, imparatemi un poco d'ortografia... Grazie.

      Elimina
    2. Gentaglia..omofoba, Femminofobica.
      Non ti curar di lor ma guarda e passa..e continuiamo a denunciarli, finché la pagina non venga cancellata dai signori di FB (proprio in questi giorni hanno pubblicato un report sull'efficienza dei loro sistemi di protezione da spam e contenuti pericolosi

      Elimina
    3. senti chiparla25 giugno 2012 17:03

      Vorrei sapere quale donna ha sculacciato TE così forte da farti assumere un profilo femminile per le tue esternazioni in rete (ipotesi: tua madre?). Comunque, tu chiedi a Jumpinshark di scrivere di quelle pagine facebook in cui si incita alla violenza, alla pedofilia, al nazismo, al fascismo, al terrorismo, al razzismo... Guarda che la pagina fb gestita da quei misogini incita proprio a quelle porcherie di cui parli tu.

      Elimina
  13. jumpinshark ho solo un appunto (chiaramente senza apostrofo) da fare a questo post: non ti chiameranno "estremista femminista", ma "maschio pentito".

    RispondiElimina
  14. Purtroppo l'esistenza di un sito come NAVSD serve a ristabilire un equilibrio nell'informazione che risulta visibilmente mediata e faziosamente sbilanciata allo scopo di promuovere la propaganda del mito del maschio violento e assassino della quale FAS, che tu citi, si fa massimo promotore. Può essere criticabile l'accostamento a certe vignette umoristiche che tu descrivi e che io non credo di aver mai notato, tuttavia si parla di violenza commessa da donne, quindi non credo che il titolo del sito sia inadeguato. Oggi, per avere un'idea precisa della violenza, bisogna ricorrere alla controinformazione. Oltre all'informazione di regime, quella femminista, faziosa da un lato, si è costretti a ricorrere a quella antifemminista, che riporta la campana che, di solito non si ascolta. Ecco, forse, perché così tanti "mi piace". Non voglio dilungarmi sugli interessi che ruotano attorno al citato mito del maschio assassino che, come uomo, mi offende e, penso, dovrebbe offendere tutti. I centri antiviolenza (privati) vivono di sussidi e hanno una certa convenienza nel portare acqua al loro mulino, divulgando idee misandriche supportate da statistiche taroccate e, naturalmente, da un'informazione monodirezionale.
    Sinceramente questa cosa mi ha un po' stancato e il fatto che esista un sito che faccia da contraltare mi fa pensare che in fondo siamo ancora un paese democratico. Per fortuna.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il commento qui sopra è pubblicato a scopo di documentazione.

      Elimina
    2. Consiglio anche la lettura di: Zerbino letterato contro l'altra campana della violenza "violenza donne" http://www.metromaschile.it/forum/index.php/topic,5817.0.html . Mi seguono affettuosamente e quindi diffondo con piacere le loro discussioni.

      Elimina
  15. Grande jumpinshark!!! Finalmente un uomo!
    Perchè l'uomo per essere vero uomo ama le donne, altrimenti è solo un misogino.
    Potresti dare un'occhiata anche al sito "www.uomini3000.it?
    Penso che ne ricaveresti tanti spunti per le tue pubbliche denunce alla misoginia.
    Io sono stata più volte tentata di denunciarli alla polizia postale.
    Quando parlano di stupro, sminuendone la gravità, mi tremano i polsi.

    RispondiElimina
  16. Ecco cosa dicono sul forum del sito "uomini3000" riguardo lo stupro:
    "Io invece parlerei di mezze seghe che scelgono di concedersi sessualmente a uomini non rassicuranti e con fare aggressivo.
    Voi donne non siete piante, anche voi partecipate alla vita."

    http://www.metromaschile.it/forum/index.php/topic,2703.255.html

    jumpinshark ti definiscono zerbino...il fatto è che non sei uno "sfigato3000" come loro.

    RispondiElimina